Busseto - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Busseto
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: BUSSETO
 Busseto è un comune di 6.843 abitanti della provincia di Parma. È noto perché nella sua frazione di Roncole, oggi Roncole Verdi, nacque Giuseppe Verdi, uno fra i massimi compositori italiani dell'Ottocento. Sempre a Roncole Verdi ha abitato dal 1952 al 1968 il grande scrittore e giornalista Giovannino Guareschi, indimenticato autore delle storie di Don Camillo e Peppone. La città ha dato inoltre i natali al letterato e storico dell'arte Ireneo Affò (1741 - 1797). Il comune è stato insignito del prestigioso riconoscimento "bandiera arancione" del Touring club italiano.
 Busseto si trova nella pianura parmense poco lontano dalle rive del torrente Ongina e dista 38 km. da Parma, 25 da Cremona, 32 da Piacenza e 6 dal Po. Il Comune di Busseto ha una estensione di 7644 ettari e 31 are. Ha la figura di quadrilatero irregolare. Confina a nord con i Comuni di Soragna e Fidenza, a sud con Fidenza ed Alseno, ad ovest con Alseno, Besenzone e Villanova sull'Arda. Il nome Busseto, "Buxetum" da "buxus" e quindi bosco dei bossi ha un'origine antichissima e non appare in documenti certi se non dopo il 1100, quando il territorio faceva parte dell'Oltre Po cremonese. Solo verso la metà del sec. XIII, con il marchese Uberto il Grande, Busseto entra nei domini dei Pallavicino per rimanervi ininterrottamente fino al 1587, quando il marchesato diventa territorio Farnesiano. Seguì quindi le sorti del Ducato di Parma e Piacenza fino al 1859 e alla proclamazione del Regno d'Italia. Nella seconda metà del XIX secolo Busseto fu impegnata in opere edilizie e urbanistiche che determinarono il volto attuale del suo centro storico. Nei secoli numerosi cittadini si distinsero nelle lettere, nelle scienze, nel diritto e nell'arte tra cui lo storico Ireneo Affò, il medico Buonafede Vitali, il compositore Tarquinio Merula, i pittori Pietro Balestra, Alberto Pasini e Gioacchino Levi, per arrivare infine alle grandi figure di Giuseppe Verdi e del nostro contemporaneo Giovannino Guareschi.